Rifiuti
Accesso alle informazioni sui tuoi conferimenti in un impianto di trattamento eco center.
Password dimenticata? Clicca qui.
Non ancora iscritto? Registrati qui.
Fosse settiche
Accesso alle informazioni sulla pulizia e svuotamento delle tue fosse settiche.
Password dimenticata? Clicca qui.
Non ancora iscritto? Registrati qui.
Prego inserite un termine che contenga almeno 3 caratteri.
Progetti in corso
Progetti in corso
Progetti conclusi
Progetti conclusi

Progetti in corso

Per mantenere efficienti e all'avanguardia gli impianti e ridurre l'impatto delle proprie attività sull'ambiente eco center investe circa 10 milioni di Euro l'anno.

Sede amministrativa: ampliamento

Inizio lavori: novembre 2018
Fine lavori: primavera 2019
Importo lavori: 2.248.858,54 €
L’attuale sede amministrativa di eco center si compone di due fabbricati collegati tra loro:
- l’ex maso Linter ristrutturato è di due piani fuori terra con tetto a falde
- il più recente edificio vetrato di due livelli con tetto piano trattato a verde pensile.
Quest’ultimo sarà oggetto di ampliamento e sopraelevazione.
Il progetto prevede di realizzare un edificio finale di 4 livelli in classe clima B con una cubatura di circa 3.250 mc (1150 esistenti e 2100 nuovi) e si svilupperà attraverso i seguenti interventi:
- la realizzazione di due piani di sopraelevazione adibiti ad uffici
- la costruzione di un nuovo corpo scala-ascensore (4 livelli) dove saranno realizzati anche nuovi servizi igienici, spogliatoi e locale pulizie
- l’installazione di un nuovo involucro esterno con rivestimento ombreggiante delle facciate
- l’integrazione degli impianti esistenti e la realizzazione di nuovi.

IDA Bolzano: progettazione definitiva ed esecutiva terzo digestore

Inizio progettazione: ottobre 2018
Importo progettazione: 134.977,92 €
Importo stimato progetto: 4.612.325,18 €
Finanziamento provinciale: 90%
Il nuovo digestore ha lo scopo di far fronte all’incremento degli abitanti equivalenti trattati dal depuratore. L’incremento di potenzialità di trattamento della sola linea fanghi renderà inoltre possibile il conferimento di fanghi provenienti dal territorio, in particolare dalle industrie agroalimentari di zona, in modo da ottimizzare la produzione di biogas e quindi di energia elettrica. Il terzo digestore consentirà inoltre di poter mettere fuori servizio alternativamente i due digestori per interventi di manutenzione straordinaria senza compromettere in alcun modo il funzionamento dell’impianto.

IDA San Pancrazio: adeguamento impianto

Inizio lavori: progetto approvato (inizio lavori previsto primavera 2019)
Fine lavori: -
Importo lavori: 1.387.221,39
Finanziamento provinciale: 84%
L’impianto di depurazione risulta tecnicamente superato dal punto di vista dei rendimenti depurativi e necessita di interventi per consentire un miglioramento dei valori di scarico delle acque. A tale scopo si prevede di modificare le attuali vasche di ossidazione/nitrificazione e la vasca di sedimentazione intermedia, rendendole due linee di ossidazione/nitrificazione identiche da 170 m3 ciascuna. Inoltre è prevista la realizzazione di due vasche di sedimentazione finale per eliminare il problema del trascinamento dei solidi allo scarico. L’impianto sarà tutto realizzato al coperto e gli attuali locali verranno risanati ed adeguati energeticamente. Tutto l’impianto elettrico sarà completamente adeguato.

IDA Bronzolo: ottimizzazione e pretrattamento impianto anaerobico

Inizio lavori: 1° lotto  23.05.2017 (attualmente in sospensione), 2° lotto in gara (inizio lavori previsto primavera 2019)
Fine lavori: -
Importo lavori: 1.241.840,00 €
Finanziamento provinciale: 82%
Provvedimenti di ottimizzazione della linea acque reflue, degli impianti di dosaggio e della distribuzione dei liquami nelle vasche di ossidazione.
Per quanto concerne la linea acque reflue è prevista la separazione ed estrazione delle sostanze solide contenute nel liquame che arriva dalla VOG Products, che crea attualmente alcuni problemi a parti dell'impianto di pretrattamento anaerobico, in particolare agli scambiatori di calore. Per quanto concerne l´impianto di dosaggio si procederà a raddoppiare il volume di stoccaggio dell´idrossido di sodio. Per aumentare il grado di rendimento dell´abbattimento dell´azoto nelle vasche di ossidazione dello stadio biologico del depuratore, viene ottimizzata la distribuzione delle acque in entrata alle due vasche ed il flusso all´interno delle vasche stesse.

IDA Salorno: nuovo impianto

Inizio lavori: dicembre 2017
Fine lavori: primavera 2019
Importo lavori: 4.150.000,00 €
Finanziamento provinciale: 90%
Il depuratore di Salorno è stato realizzato nel 1984 ed è stato dimensionato per 4.500 abitanti equivalenti.
L’attuale gestione dell’impianto risulta molto difficoltosa sia per le dimensioni dell’impianto, carico idraulico molto variabile, sia per il deteriorato stato in cui si trova la struttura; inoltre il ricettore finale dell’uscita dell’impianto è la fossa di Salorno, ricettore dall’equilibrio naturale molto sensibile.
Per ovviare alla situazione si è previsto di realizzare un nuovo depuratore dalla capacità di 6.500 ab.eq. in un’area a sud della zona artigianale. Per rendere l’area fruibile è stata tolta una linea elettrica e realizzato un muro di sostegno alzando la quota del terreno di circa 3 metri. Per convogliare le acque reflue al nuovo impianto si dovrà realizzare presso il “vecchio” depuratore una piccola stazione di pompaggio ed una tubazione di circa 600 metri lungo la fossa; inoltre, il fiume Adige, data la modesta distanza, sarà il ricettore dell’impianto in modo da non scaricare più nella fossa.