Rifiuti
Accesso alle informazioni sui tuoi conferimenti in un impianto di trattamento eco center.
Password dimenticata? Clicca qui.
Non ancora iscritto? Registrati qui.
Fosse settiche
Accesso alle informazioni sulla pulizia e svuotamento delle tue fosse settiche.
Password dimenticata? Clicca qui.
Non ancora iscritto? Registrati qui.
Prego inserite un termine che contenga almeno 3 caratteri.

DATI 2018


Acque reflue depurate

Rifiuti trattati

Energia termica prodotta

Energia elettrica prodotta

fotovoltaico:
Scheda tecnica
Capacità
360.000
abitanti equivalenti
Acque trattate
acque reflue industriali e civili
Bacino utenza
15 comuni
Entrata servizio
1999
Depuratore Merano

Funzionamento

Le acque reflue civili confluiscono nella stazione di grigliatura (1), dove tramite delle griglie automatiche viene trattenuto il materiale grossolano, quali pezzi di legno, stracci e carta. Il materiale fermato viene lavato e compattato e quindi smaltito in discarica.
Il dissabbiatore ed il disoleatore (2) tolgono dall’acqua la sabbia che, previo lavaggio, viene smaltita in discarica e trattengono oli e grassi commestibili, che vengono tolti dalla superficie ed inviati all’ispessitore (7). Le acque reflue industriali vengono prima sottoposte ad un pretrattamento per eliminare parte della sostanza organica (3 e 4): le sostanze sedimentabili ancora contenute nell’acqua si fermano sul fondo della vasca, vengono estratte tramite pompa ed inviate all’ispessitore, mentre l’acqua confluisce nell’ossidazione biologica (5) insieme alle acque reflue civili.
Nella vasca di ossidazione biologica vivono dei microorganismi e dei batteri, che si nutrono della sostanza organica disciolta nell’acqua e la trasformano in fango biologico. Nel sedimentatore finale (6) il fango biologico si separa dall’acqua, viene estratto ed inviato all’ispessitore.
Il fango derivante dalle diverse fasi di depurazione (40.000 t/a) viene concentrato tramite centrifughe ed inviato al digestore (8), dove le sostanze organiche, tramite processi biochimici, vengono trasformate in gas metano, anidride carbonica e biomassa. Dopo la digestione il fango viene ulteriormente pressato (9) ed inviato ad un centro di compostaggio.
Il gas metano prodotto dalla digestione dei fanghi viene stoccato nel gasometro (10) e tramite motori a gas (11) trasformato in energia elettrica e calore.
Nel depuratore è installato un impianto fotovoltaico con potenzialità complessiva pari a 345 kW.